1

App Store Play Store Huawei Store

Acqui Domo 1

DOMODOSSOLA - 09-11-2021 - Dopo due ore e venti minuti di battaglia sportiva, lo Studio Immobiliare VCO Domo si è aggiudicato, con una vittoria al cardiopalma (2 a 3), lo scontro diretto in casa dell’Acqui Terme, che era appaiato in seconda posizione in classifica. Gli ossolani hanno strappato la vittoria al fotofinish, quando le speranze sembravano ormai svanite, 18 a 20 il tie break, dopo essere stati in vantaggio 0 a 2 nel computo dei set.

Un match delicatissimo ed importantissimo quello andato di scena sabato scorso ad Acqui Terme. Domesi ed acquesi erano infatti affiancati in seconda posizione (ad un punto dal Montanaro primo). Lo scontro diretto avrebbe quindi iniziato a definire più precisamente i valori del campionato.
Si sapeva già prima del match che Pallavolo La Bollente Acqui Terme sarebbe stata squadra ostica da affrontare, soprattutto tra le mura amiche. Gli alessandrini infatti possono contare su uno dei settori giovanili più forti del Piemonte e su alcuni atleti che sono già inseriti anche nel gruppo di Serie B. Una formazione tecnicamente preparata e dalle buone doti fisiche.
Domo dal canto suo è arrivato in terra alessandrina consapevole delle proprie potenzialità e determinato ad ottenere punti importanti. E’ stata proprio questa determinazione a permettere ai domesi di vincere il primo set, dopo essere passati in svantaggio anche di 5 lunghezze. Coach De Vito parte con il sestetto “classico” (Boschi – Pennati, De Grandis – Piroia, Traversi – Brusa Restelletti, Turci M.) con unica eccezione Brusa al centro per Bracchi. I padroni di casa partono bene e mettono la testa avanti intorno a metà del set. Domo però rimane attaccato e grazie ad una buona correlazione muro-difesa pareggia i conti e prende il largo chiudendo 21 a 25.

Nel secondo set De Vito parte con Pedaci per Pennati (per provare ad aumentare i centimetri e migliorare la fase di muro). Lo Studio Immobiliare VCO Domo gioca bene fin dai primi punti, mentre i padroni di casa sembrano aver accusato il colpo del primo set. Il parziale si chiude senza troppe difficoltà 18 a 25 per i domesi.
Il match sembra chiuso ma, come spesso avviene nella pallavolo, basta poco per cambiare l’inerzia della partita. I padroni di casa diminuiscono al minimo gli errori ed aumentano la qualità del servizio e del contrattacco. Domo prova a lottare fino al 17 a 16, ma poi si scompone e Acqui chiude 25 a 19.
Il quarto set è un disastro per i domesi. L’Acqui si porta subito sul 6 a 2 e Domo non riesce a trovare le giuste contromisure. Il parziale si chiude con un pesantissimo 25 a 11 che lascia poche speranze anche per il set successivo.
Anche il tie-break inizia infatti con lo stesso canovaccio del set precedente: PLB Acqui va al cambio campo sull’8 a 4. I padroni di casa mantengono il vantaggio fino alla fine (14 a 10), nonostante il cambio in regia provato da De Vito (con Savoia al posto di Boschi). Quando ormai ogni speranza sembra persa, Domo sfodera qualche minuto di altissimo livello, non lasciando cadere più niente in difesa e attaccando con precisione. Lo Studio Immobiliare VCO Domo ribalta la situazione 14 a 15 e avrebbe anche il match point che non riesce però a finalizzare. Poi tocca nuovamente ad Acqui avere altre due palle match (sul 17 a 16 e sul 18 a 17), ma alla fine sono i blue ad avere la meglio 18 a 20.

Un finale pazzesco quindi, degno di un match di alta classifica. Domo ha dimostrato di avere le carte in regola per essere una delle principali protagoniste del campionato e ha ottenuto due punti veramente pesantissimi per la classifica. Rimane il rammarico per i due set persi, dopo il vantaggio di 2 a 0, ma bisogna dare atto ai padroni di casa di aver alzato la qualità e non aver lasciato molto spazio agli ossolani.
Ora lo Studio Immobiliare VCO Domo tornerà al Palaraccagni domenica 14/11 alle ore 17.30 contro il Volley Novara.

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.