1

b calcio masera tiro volo

MASERA- 09-06-2016- Grande vittoria nell'andata della semifinale

di Coppa Piemonte per 2 a 0 per il Masera contro l'Atletico Sangiustese: “Si disputava a Masera l'andata della semifinale di Coppa Piemonte della serie D femminile che vedeva le padrone di casa opposte all'Atletico Sangiustese.

Una gara difficile, contro delle avversarie favorite sulla carta, sia considerando l'andamento del campionato che quello degli scontri diretti stagionali, entrambi vinti con ampio margine dalle torinesi. Serviva quindi una prova di carattere ed intelligenza al Masera per tentare di giocare ad armi pari contro una compagine così ben attrezzata.

E le maseresi hanno messo in campo fin dal primo minuto tutto quello che avevano a disposizione sia dal punto di vista tecnico che caratteriale. Tortora ha scelto di confermare il 4 - 2 - 3 - 1 visto nelle ultime uscite stagionali, consegnando il centrocampo a Noretta e Ferraro vista l'assenza per squalifica di Betlamini, e confermando titolare nel ruolo di ala Molinari con l'intento di aiutare ulteriormente il reparto arretrato in fase di non possesso.

L'inizio è sottoritmo per entrambe le squadre a causa del caldo afoso e della tensione per la posta in palio: si fanno segnalare un paio di spunti della numero dieci avversaria che però non sortiscono alcun pericolo.

Al 23' l'episodio che sblocca la partita: su una palla a spiovente che sta per cadere al limite dell'area si avventa Martina Cerini che anticipa tutte e scaglia un sinistro al volo che si infila nell'angolo portando in vantaggio le ossolane. Per l'attaccante del Masera è l'ennesima gemma di una stagione da incorniciare, che l'ha vista dominante sia in campionato che in coppa.

Le avversarie, scosse dallo svantaggio, provano a replicare: al 30' ancora la numero dieci della Sangiustese si libera della retroguardia del Masera e si presenta sola davanti a Battro: il tiro è potente ma colpisce la parte interna della traversa e rimbalza fuori, accompagnata dal sospiro di sollievo del numeroso pubblico accorso a Masera.

Con il passare del tempo le nostre riescono a prendere le misure alle torinesi, riuscendo in fase offensiva con alcune ripartenze a creare qualche pericolo, senza però trovare lo spunto vincente. La prima frazione termina così con il risultato di 1 a 0.

Ad inizio ripresa noie muscolari fermano Molinari, sostituita da Canonico. La partita si fa più cattiva, e non mancano scontri di gioco duri, con la partita che spesso viene interrotta per soccorrere le giocatrici.

Attorno al quarto d'ora della ripresa si fa male anche il centrale difensivo Lorenzone con Tortora costretto a ridisegnare la squadra: Nicoletta Cerini passa in mezzo al fianco di Antonietti con Canonico che scala sulla linea difensiva, mentre la neo entrata Ferrari si prende la fascia destra.

La partita prosegue con una traversa clamorosa colpita dalla numero dieci della Sangiustese (partita in posizione più che sospetta) a tu per tu con Battro, mentre dall'altra parte Rovereti prova con una conclusione precisa dal limite a sorprendere il portiere avversario che però si rifugia in calcio d'angolo.

Al 75'il secondo gol del Masera: Piolini è protagonista di un'azione personale sulla sinistra, con il suo cross che raggiunge il centro dell'area dove la numero due avversaria nel tentativo di rinviare, svirgola e deposita la palla in rete.

Ma il match è tutt'altro che finito: il Masera deve evitare di subire gol pensando al ritorno. Tutte le giocatrici sembrano stremate, Molli esce dal campo tre volte per i crampi (ma rientra sempre in modo caparbio, finendo la partita) lasciando per alcuni minuti le sue in dieci.

Le due entrate Canonico e Ferrari sembrano avere qualcosa in più sul piano atletico, come tutto il Masera in generale a dire il vero, e la sensazione e che ci siano più i presupposti per il 3 a 0 più che per un ritorno delle avversarie.

Proprio Ferrari nel finale è protagonista di una sortita personale trascinata dal boato del pubblico, ma la sua conclusione non trova la rete.

Finisce così 2 a 0 per il Masera contro l'Atletico Sangiustese. A partita finita si scaldano ancora gli animi, con le giocatrici ospiti che hanno qualche battibecco con alcuni tifosi fuori dal campo.

La sensazione è che le nostre siano riuscite ad onorare al meglio l'ultimo impegno casalingo stagionale e che abbiano tutte le carte in tavola per il passaggio del turno, ma che servirà un'altra grande partita a San Giusto Canavese domenica 12 giugno, perché le torinesi saranno agguerritissime e pronte a tutto pur di recuperare il passivo maturato in questo match”.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.